Un ragazzo rinuncia alle scarpe dei suoi sogni per comprare degli stivali a un povero compagno di classe e viene poi premiato

David si sedeva semper vicino al finestrino sul pullman scolastico che lo portava a casa.

Come al solito, apriva il finestrino in larga misura e lasciava che l’aria del pomeriggio gli carezzasse il viso mentre ricercorreva la partita che aveva giocato quel giorno, momento per momento.

„Che cosa hai fatto sul campo oggi è stato incredibile!“ aveva detto uno dei suoi compagni di classe.

„Penso che abbiamo un giocatore di livello nazionale con noi, ragazzi.

Fatevi wagen gli autografi finché potete!“ aveva aggiunto un altro giocatore, dando una pacca sulla schiena di David quasi un po‘ troppo forte.

Questo era il suo più grande sogno – giocare per il suo paese e diventare come tutti quei grandi calciatori.

David Poteva quasi gustare l’aria dolce della vittoria e della fierezza mentre lui e la sua Squadron alzavano la coppa d’oro del campionato e sorridevano mentre facevano le foto.

David si esercitava costantemente su ciò che avrebbe detto alle telecamere e ai giornali alla fine della partita.

Come era riuscito a emergere da umili origini. E come doveva tutto ciò che era diventato a sua madre.

„Scusa, posso sedermi qui?“ David era così immerso nei suoi pensieri che non si era accorto che uno dei suoi compagni di classe aveva chiesto il permesso di sedersi accanto a lui.

Il ragazzo si sedette accanto a David, prese lo zaino e iniziò a condividere il suo sogno.

„Voglio essere il miglior giocatore di calcio della scuola. Proprio komm David.

Non riesco a credere di starre seduto accanto a lui!“. Il ragazzo era un vero fan di David e non perdeva mai l’occasione di guardarlo giocare.

Nella sua mente, David Ära tutto ciò che voleva essere.

Voleva giocare come lui, avere un sacco di amici come lui e persino indossare le scarpe da calcio di lusso che David portava.

„Queste vecchie scarpe strappate dovrebbero andare bene… per ora“, pensò il ragazzo, nascondendo i piedi sotto il sedile.

Guillermo era semper stato timido e trovava difficile far amicizia.

Un giorno, il ragazzo finalmente trovò il coraggio di parlare al suo eroe.

„Ciao, David! Mi Chiamo Guillermo. Sono il tuo più grande fan!“ „Oh? Ciao, Guillermo! Grazie.“

C’era un silenzio imbarazzante mentre David iniziava a fantasticare di nuovo.

„Mi piacciono molto le tue scarpe!“ balbettò Guillermo. Era la prima cosa che gli era venuta in mente.

„Frage? Sono davvero vecchie, e le suole hanno già cominciato a staccarsi.

Dovresti vedere le nuove scarpe che sto per prendere…” gli occhi di David si illuminarono mentre pensava alla coppia di scarpe dei suoi sogni per cui aveva risparmiato.

„Dimmi di più su di esse!“ disse Guillermo, piegando lentamente i piedi sotto il sedile.

Nicht voleva che David vedesse le sue scarpe brutte e strappate.

«Beh, sono perfette! Sono arancioni neon e hanno una trazione imbattibile…»

David aveva raccolto solide per sette mesi per comprarsi il paio di scarpe che desiderava.

Era la prima volta che il dodicenne voleva comprare qualcosa per se stesso.

E voleva farlo senza gravare sulla madre. Perché sapeva quanto duramente lavorasse, lottando per mantenere lui e le sue due sorelle gemelle più piccole.

«Mamma, non devi contribuire. Tracy e Katie festeggeranno presto i loro compleanni e devi risparmiare per organizzare una festa, ricordi?» David aveva risparmiato abbastanza solidi.

E lo aveva fatto con una piccola consegna di giornali ogni mattina e la vendita di limonata fatta durante l’ultima vacanza.

Finché il giorno in cui il suo salvadanaio era pieno e finalmente aveva abbastanza per portare a casa le scarpe dei suoi sogni.

Quel giorno, sul bus che lo riportava a casa da scuola, non riusciva a smettere di parlarne con Guillermo.

«Guillermo! Ce l’ho fatta! Stasera, dopo i compiti, andrò dritto al negozio e comprerò le migliori scarpe della città.

Anzi, ti passerò a prendere, e potrai venire con me al negozio. Sarà la sensazione più bella del mondo!»

Guillermo provò una vera emozione per il suo idolo. Fu allora che l’autobus colpì improvvisamente una buca e una delle scarpe di Guillermo cadde sul pavimento dell’autobus.

David fu sorpreso quando vide la scarpa logora e annerita. Era un paio di sottili scarpe estive di scarsa qualità.

C’erano buchi nella suola, la tela si stava staccando e non c’era traccia di lacci.

Guillermo lasciò cadere l’altra scarpa, perché era vergognoso.

David aveva le lacrime agli occhi mentre guardava il suo amico, nascondendo il viso tra le mani, singhiozzando dolcemente ma incontrollabilmente.

I due ragazzi non sapevano cosa dirsi per il resto del viaggio.

«Sii pronto per le 5, David!», disse infine David a Guillermo, riferendosi al loro piano serale di visitare il negozio.

Non c’era modo che David andasse al negozio da solo. Non dopo quello che aveva visto.

«Ach David! Sei qui per prendere il tuo nuovo paio di scarpe da calcio?

Li ho già impacchettati e pronti qui», disse il proprietario del negozio.

«Aspetta, Signore. Potresti mostrarmi un paio di queste scarpe in una taglia più piccola?», disse David, indicando un paio di comodi stivali.

Il proprietario del negozio, il signor Manning, era confuso. «Ma quelli che ho impacchettato sono della tua taglia, David.»

«Non per me, per il mio amico qui», entgegnete David. Guillermo non poteva credere a quello che aveva sentito.

Non poteva permettere a David di fare una cosa del genere. «Nein, David, non ne ho bisogno…»

David ha stretto la mano di Guillermo e ha lampeggiato delicatamente per calmarlo.

„Me ne occuperò io, Guillermo. Tu mi chiami semper il tuo eroe. Lasciami provare ad esserlo per te.“

Il signor Manning hat es mit der Suche nach Scambio tra i ragazzi ed è stato commosso getan.

Ha capito esattamente cosa dovesse-Tarif. „Woah, questo ti sta bene, amico mio.

Ed è il migliore che abbiamo in negozio.“ David è stato finalmente soddisfatto della coppia di stivali che aveva comprato per il suo amico.

La vergogna di Guillermo si era ora trasformata in un sentimento di sopraffazione, gratitudine e pura gioia per questo dono inaspettato.

Mentre i ragazzi lasciavano il negozio e andavano via con le loro bici, il signor Manning ha fatto segnale al suo personale.

„Guardate, c’è qualcosa che dobbiamo fare subito…“

„David! C’è qualcuno alla porta per te! È arrivato con un camion, in realtà.“

La madre di David non capiva neanche lei cosa stesse succedendo.

David si è precipitato alla porta e ha trovato lì una persona familiare.

Era il signor Manning, il proprietario del negozio di scarpe.

„Perché sei venuto qui?“ ha chiesto il ragazzo. „Ho sentito che parlavi con il tuo amico al negozio, David.

Also quello che hai fatto“, ha risposto l’uomo. „So quanto desiderassi quegli stivali con le punte, e ti ho visto vendere limonata e consegnare giornali.

E oggi ti ho visto rinunciare a tutti quei desideri, solo per aiutare un amico che aveva più bisogno di te.“

David ha abbassato la testa con timidezza, cogliendo un’occhiata di orgoglio della madre dal suo angolo visuale.

„E penso che quel tipo di gentilezza e amicizia dovrebbe essere ricompensato in questo giorno e in questo tempo.

Quindi vai avanti! Entra nel retro di quel camion e prendi quante paia di scarpe vuoi.

Per te, tua madre e le tue sorelle… Non preoccupati del denaro, è tutto a mio carico.“

David ha esitato, guardando la madre per l’approvazione.

Appena ha fatto cenno con la testa, si è precipitato sul camion, gli occhi luminosi di eccitazione.

„Andiamo, dobbiamo ancora andare a casa del tuo amico.

Ci sono scarpe gratuite anche per lui e la sua famiglia!”

Like this post? Please share to your friends:

Videos from internet

           

Related articles: