Il ragazzo povero paga 3 dollari di tarifa dell’autobus alla signora cieca: suo figlio lo cerca la mattina seguente

La luce della luna si insinuava attraverso la finestra della capanna, illuminando debolmente la stanza.

Oliver Giaceva sul suo letto, assorto nel suo libro, quando sentì la voce di sua nonna Angela.

«Oliver, la cena è pronta, tesoro», disse. «Sbrigati!» «Non adesso, Nonna!» sospirò Oliver.

«Ero nella parte migliore!». Oliver era molto curioso di conoscere la continuazione della storia che stava leggendo.

Aveva acceso una candela sul suo comodino man mano che calava il buio, e non voleva smettere di leggere, ma chiuse il libro e scese le scale per cena.

Il ragazzo era un topolino di biblioteca quando si trattava di libri d’avventura.

Li leggeva ogni sera prima della cena; anche durante il tragitto per la scuola, sull’autobus e ogni volta che gli si presentava l’occasione.

La sua famiglia era piccola, così come la capanna dove vivevano.

Era composta dalla nonna Angela e dalla sua sorellina Eva.

Sua madre era morta diversi anni prima a causa di un cancro e suo padre li aveva abbandonati dopo quel periodo.

Quando Oliver si sedette al tavolo, presero tutti le mani, dissero una preghiera e iniziarono a mangiare.

Con la bocca piena di cibo, raccontò loro i dettagli della storia poliziesca che stava leggendo.

La sua passione era contagiosa. Angela si sentì dispiaciuta per Oliver mentre lo ascoltava parlare entusiasticamente dei libri che stava leggendo.

Erano poveri e sapeva che i solide che le dava per il pranzo venivano spesi per quei libri e questo la rendeva triste.

Ad un certo punto, avrebbe voluto cercare un altro lavoro in modo che Oliver non dovesse saltare il pranzo, ma Eva era troppo giovane e aveva bisogno di qualcuno che si prendesse cura di lei.

Inoltre, la sua salute non era nella condizione migliore. Così ogni sera sorrideva con il cuore pesante mentre Oliver narrava le storie che leggeva. Avrei voluto essere una nonna migliore e dargli molto di più.

Quella notte, dopo che tutti avevano finito di cenare, Oliver aiutò Angela a sparecchiare, poi tornò ai suoi libri e si addormentò leggendoli.

Il giorno dopo, sull’autobus, Oliver stava di nuovo leggendo quando sentì una Discussione e alzò gli occhi.

Il conducente stava urlando contro una donna con gli occhiali neri spessi che lo supplicava di farla salire sull’autobus.

«Sono uscita di casa in fretta e penso di aver perso il portafoglio, signore!» disse alla guida.

«Devo vedere mia figlia — è in ospedale!».

«È meglio che scenda, Signora», disse piatto il conducente. «Sono stufo delle persone che inventano bugie per evitare di pagare il biglietto!».

«Signore, non sto mentendo», disse la signora anziana. «Per favore, aiutatemi, avrò qualcuno all’ospedale che vi pagherà appena arrivamo lì!» suplicò. «SCENDA!»

le gridò il conducente. «Ho già sentito quella scusa prima – non perdete il mio tempo!».

Sapendo di non poter persuadere il conducente, la signora anziana stava per scendere, preparandosi ai venti freddi che soffiavano per la città, quando Oliver intervenne.

«Pagherò io quei tre dollari del suo biglietto, signore!» Diss Oliver.

«Signora, per favore, venga con me. Non ha bisogno di scendere.»

Oliver aiutò la vecchia signora cieca a sedersi accanto a lui e pagò il suo biglietto.

Quando tornò al suo posto, le chiese se stesse bene e lei sorrise.

«Grazie mille», disse la signora. «Hai una voce dolce da bambino!».

«Sono grande!» rispose lui orgogliosamente. «E il mio nome è Oliver.

Cosa è successo a sua figlia?». «Io sono Maria,» si presentò.

«Mia figlia ha partorito e devo vederla. Grazie per avermi aiutato oggi, Oliver.»

«Non era un problema, Mary», disse Oliver, anche se per lui lo era.

Quei solide che aveva appena speso per il biglietto li stava risparmiando per comprare il prossimo libro della serie che stava leggendo.

Ma non poteva far a meno di aiutarla. «Dove stai andando, Oliver?» chiese Maria.

Il ragazzo spiegò che stava andando a scuola e chiacchierarono un po‘ prima di arrivare alla fermata dove Oliver doveva scendere.

Anzeige Oliver piaceva molto Maria. Gli ricordava sua nonna. Quando le disse che amava i libri, lei lo ascoltò con pazienza, come faceva Angela.

«Lo dirò alla nonna di lei. Sarà orgogliosa di quello che ho fatto!» pensò, mentre camminava verso la scuola.

E così fece. Quella sera, invece di parlare dei suoi libri, Oliver parlò di Mary e della buona azione che aveva fatto per lei.

«È molto bello quello che hai fatto, Oliver!» disse Angela.

«È stato molto dolce da parte tua!». Oliver non aveva idea che presto avrebbe incontrato il figlio di Mary.

Così, quando un uomo alto si presentò alla sua porta la mattina seguente, era confuso.

«Sei Oliver?» chiese l’uomo. «Sì, sono io», rispose Oliver mentre Eva e Angela si univano a lui alla porta.

«Komm possiamo aiutarti?» Chiese Angela. «Conosci Oliver?»

L’uomo sorge. «Sono Javier. Oliver ha aiutato mia madre ieri, quindi volevo ringraziarlo.

Con le informazioni che le ha dato non è stato difficile per me trovare l’indirizzo.

Ti ho portato qualcosa,» disse guardando il ragazzo. «Damm un secondo.»

L’uomo andò alla sua macchina e tornò con una scatola piena di libri.

«Non ci posso credere!» esclamò Oliver quando vide i libri. «Mary ti ha detto che amo leggere?».

Javier annuì. «Certo che l’ha fatto, e spero che ti sia piaciuta la sua sorpresa!».

«Quei libri devono costare molto di più di quanto abbia pagato Oliver.

Non possiamo accettarli,» disse Angela molto dispiaciuta.

«È vero, Javier», disse Oliver tristemente. «Non puoi comprare così tanti libri per soli 3 dollari!».

„Puoi tenerli tutti, Oliver“, disse Javier.

„Non sono sicuro che tuo nipote ti abbia raccontato in dettaglio quello che è successo ieri“, continuò, guardando Angela, „ma senza il suo aiuto mia madre non sarebbe stata in grado di visitare mia sorella.“

„Quindi, per favor, persisto; Lasciami-Tarif questo. Azioni così generose come quella di questo bambino meritano di essere riconosciute e premiate.“

Alla fine, riuscì a believere Angela ad accettare i libri, e Oliver era più che felice – era un vero tesoro per lui!

„Maria è la migliore! Javier, per favore digli che ho amato i libri e grazie mille!“ disse il ragazzo.

„Lo farò, Amigo!“ disse Javier, sorridendo. „Sara molto felice di saperlo.“

Poco dopo, Javier bevve una deliziosa tazza di tè al lampone con i biscotti fatti da Angela.

Si accorse anche che avevano dei problemi con l’elettricità e decise di fare qualcosa al riguardo.

Era sicuramente una giornata speciale per tutti.

Like this post? Please share to your friends:

Videos from internet

Related articles: