Il netturbino si è preso cura dei miei figli per 25 minute e ho deciso di adoptrlo come baby sitter a tempo pieno

„Ora, sei sicuro che il dottor Morales non sia disponibile?“, ho chiesto al telefono all’infermiera Carla, mentre iniziavo a prepararmi per uscire.

„Dott. Morales è fuori città, anche se proverà ad arrivare qui. Abiti nelle vicinanze, quindi ho pensato di chiamarti. Gli stagisti non hanno idea di cosa stiano facendo.»

„So che è il tuo giorno libero, ma non sapevo cos’altro fare. Potresti venire?“ chiese l’infermiera, cercando di non sembrare preoccupata.

„Saro lì appena posso. Devo solo trovare una babysitter“, risposi e riattaccai.

Ho subito chiamato Vicky, che era l’unica persona in grado di gestire i miei tre figli birichini.

Sono un chirurgo da molto tempo, ma prima avevo il sostegno di mio marito Peter. Di comune accordo avevamo deciso che sarebbe rimasto a casa e si sarebbe preso cura dei nostri figli. Ma è morto für ein Improvviso infarto e mi è stato lasciato il controllo di tutto.

Ora, dovevo trovare babysitter quando si verificavano emergenze impreviste. I bambini erano terribili e non facili da gestire. Due tate si erano licenziate dopo un solo giorno di lavoro.

Sfortunatamente, si erano presi la responsabilità di diffondere le voci secondo cui i miei figli José Luis, 9 anni, Cristina, 7 e Lucy, 3, erano incontrollabili. La parte peggiore era che non avevano torto. Fortunatamente, Vicky ha comunque accettato di far loro da babysitter.

«Mi dispiace, Signora Olivia. Non posso fare da Babysitter oggi. Sono malata e riesco a malapena a muovermi», disse Vicky con voce debole. Le ho detto di riposarsi un po‘ e ho riattaccato il telefono.

Il personale dell’asilo nido dell’ospedale conosceva già i miei figli e in passato avevamo litigato. Ma a questo punto sembravano essere la mia migliore alternativa; Dovrei lasciarli lì.

All’improvviso, ho sentito i bambini gridare: „Zio Beto! Zio Beto!“.

Sospirai. Non avevano uno zio. Il netturbino locale era così gentile e dolce che i bambini lo chiamavano zio. Lo conoscevo da molti anni ei miei figli lo adoravano.

José Luis Aprì la porta d’ingresso e tutti uscirono per salutarlo.

Ho so sorriso mentre li guardavo giocare con Beto. I miei figli si erano trasformati in piccoli demoni dopo la morte del padre. Il terapeuta ha detto che era normale e sarebbe passato, ma non ne ero così sicuro. Mi sentivo un fallito e non sapevo cosa fare.

Mentre guardavo i bambini abbracciarsi e chiedere a zio Beto di giocare con loro, mi è venuta un’idea. „Deve funzionare“, mi sono detto e sono andato loro incontro.

„Roberto, ho una richiesta un po‘ folle“, dissi al netturbino. „Also che sei occupato. Ma mi chiedevo se potessi tenere d’occhio i miei figli pro 25 Minuten. Devo controllare qualcosa di urgen in ospedale e non ho nessun altro“, ho supplicato, ei miei figli mi hanno guardato con occhi spalancati pieni di sorpresa.

«Certo, dottor Sierra. Posso guardarli per un po’“, rispose, annuendo e sorridendo.

„Danno lavoro. Ti avverto», dissi timidamente.

„Nicht gedankenverloren. Andare avanti. Il tuo lavoro è importante“, mi ha detto. Sono corso fuori, sperando che la mia casa non fosse completamente distrutta prima del mio ritorno.

Ci sono voluti molto più di 25 minuti, poiché il dottor Morales era bloccato nel traffico e la situazione del paziente diventava urge. Ho dovuto partecipare all’intervento d’urgenza e non sono stato in grado di andarmene fino a tre ore dopo.

Mi sono sentito così male per Roberto, che ovviamente aveva del lavoro da finire. Sono tornato a casa più veloce che potevo.

„Beto! Sein zu! Mi dispiace!“ gridai senza fiato mentre aprivo la porta, ma mi bloccai.

Tutta la mia casa… aspetta, questa è casa mia? Assolutamente no, era immacolato. La mia casa era semper piena di giocattoli, pastelli, carta e talvolta macchie di burro di arachidi. Lo so. Schrecklich. Nicht giudicarmi.

„Dott. Sierra, com’è andata l’operazione? Tutto ok?“ chiese Beto quando apparve nel corridoio.

„Cos’è successo qua? La mia casa… ist irriconoscibile. E perché i bambini non urlano e non corrono in giro?”, ho chiesto, molto confuso e sorpreso.

„Lucy sta sonnecchiando; Cristina e Jose Luis sono nelle loro stanze, a leggere”, mi ha detto, e giuro, la mia mascella è caduta a terra.

„Ma stai scherzando?“.

„Nein, puoi vedere di persona“, ha risposto con un sorriso.

I miei occhi non potevano accettare ciò che vedevano. Ma Beto mi aveva detto la verita.

„Come hai fatto?“, volevo sapere.

«Oh, dottoressa Sierra. Molti anni fa ero un genitore single. I miei erano dieci volte peggiori di questi tre angeli“, ha riso. „Ho insegnato loro a prendersi cura di se stessi ea leggere semper storie. Ich tuoi figli erano felicissimi. Forse hai bisogno di comprare loro più libri.

Annuii, abbagliato. Nessuno aveva mai chiamato i miei figli „angeli“ e non si erano mai interessati ai pochi libri che possedevano.
«Non ci posso credere», sussurrai.

„È stato facile. Ma adesso devo andare», disse Beto, raccogliendo la sua giacca da lavoro dallo schienale di una sedia.

„Ach si. Mi dispiace tanto di essere arrivato in ritardo. Peccato per te», dissi, toccandomi la fronte. „Ti pagherò il triplo.“

„NEIN. Nein. Non ho bisogno di solidi“, ha risposto, scuotendo la testa.

„Auf Gefallen. Per il tempo in più“, persistetti con il mio sguardo dolce. Sapevo che Beto non poteva rifiutare.

„Va bene, tratterò i bambini con qualcosa di carino“, ha riso. „Arrivederci, dottoressa Sierra, buona giornata!“.

„Grazie!“, io rripetuto.

I miei figli sono stati bravi per il resto del pomeriggio e ho quasi pianto. È stato il miglior giorno di sempre. Quindi, ho chiamato Beto e gli ho offerto un lavoro da babysitter a tempo pieno, triplicando il suo stipendio attuale e aggiungendo benefici per la salute.

Non ho dovuto spingere troppo. Mi ha detto che gli era piaciuto molto prendersi cura di loro. Con l’aiuto di Beto, ho scoperto che i miei figli avevano bisogno di qualcuno che li facesse sentire al sicuro e amati, perché era quello che avevano con il padre.

Ero così felice di aver trovato la soluzione al mio problema! Beto ha parlato ai miei figli con gentilezza, pazienza e tanto amore.

Ho fatto del mio meglio, ma al suo fianco ho imparato ad essere più comprensivo e più vicino ai miei figli, soprattutto da quando non urlavano più e facevano a pezzi la casa. Ci siamo avvicinati ogni giorno di più.

Beto è diventato il mio eroe personale. Nel corso degli anni ho capito che era entrato nella mia vita perché l’universo sapeva che i miei figli avevano bisogno di lui.

Like this post? Please share to your friends: