Il figlio fa piangere l’anziana madre in sedia a rotelle in un ristorante e si scusa quando interviene il proprietario

„Questo è carino“, disse Emily a suo figlio, Dean, dopo che la camera prese il loro ordine e se ne andò con i menu.

Voleva attirare l’attenzione di suo figlio, poiché era concentrato esclusivamente sul suo telefono.

„Sì, certo“, mormorò, gli occhi incollati allo schermo. Ma all’improvviso si guardò intorno. „Vorrei che non fossimo così vicini al bagno, ma con la tua sedia a rotelle non possiamo sederci da nessun’altra parte.“

Emily cercò di ignorare il commento sprezzante e bevve un sorso d’acqua.

„Comunque, è bello che ci frequentiamo dopo così tanto tempo. Kommen Sie aufs College? Le tue lezioni? C’è qualcosa di interessante in corso nel campus?” chiese, curiosa di sapere di più sulla vita di suo figlio.

Da ist es Teil des College, Dean ha chiamato raramente sua madre ed Emily sapeva che aveva trovato la sua strada e amava la sua indipendenza. Crescere con una madre disabile non dev’essere stato facile, anche con le badanti che a volte adoptva. Voleva che si godesse la vita lontano da questi problemi. Tuttavia, sarebbe bello sentirlo di tanto in tanto.

Così lo invitò a un pasto speciale e dovette pregarlo ricetutamente di accettare. Lo ha persino corrotto con il costoso orologio del suo defunto nonno. Dopotutto, forse era quello il motivo per cui era venuto. Tuttavia, voleva solo guardare il lato positivo.

„Oh, va bene, qualunque cosa“, sospirò.

Ancora una volta, Emily prese il suo bicchiere d’acqua per berne un sorso, ma lo urtò Accidentalmente contro il tavolo e il bicchiere andò in frantumi sul pavimento. Lo schianto fu così assordante che tutti nel ristorante li guardarono, e alla fine Dean alzò lo sguardo dal telefono.

„Per l’amor di Dio! Non posso nemmeno cenare bene senza che tu faccia una scenata e la gente ci guardi. Non volevo venire, ma continuavi a tormentarmi! Dio, non vedo l’ora che questa notte finisca “, ha buttato fuori con rabbia.

Gli occhi di Emily si spalancarono alla dimostrazione di rabbia di suo figlio, e sapeva che la gente li stava ancora guardando, perché la sua voce echeggiò in tutto il ristorante. Alla fine, iniziò a piangere piano e gli disse: „Va bene, andiamo adesso“.

“Fantastico!”, rispose Dean mentre afferrava la sedia per alzarsi.

„Apetta un minuto!“ disse un uomo mentre si avvicinava a loro. Emily alzò lo sguardo e vide l’espressione arrabbiata sul suo volto. Le sue sopracciglia erano corrugate, le sue labbra arricciate e le rughe sulla sua fronte erano più evidenti nel bagliore giallo della plafoniera.

„Io… io non ho…“, balbettò Dean.

„Nicht hai fatto cosa? Sai che darei qualsiasi cosa per avere di nuovo mia madre con me. Mi ha insegnato tutto sulla vita, l’amore, la speranza ei sogni. Mi ha cresciuto da sola. Proprio come questa bellissima donna qui, anche lei era disabile. Aveva una malattia che le impediva di avere un lavoro normale. Nonostante tutto ciò, mi ha cresciuto. Nicht ho mai avuto Ruhm. Non mi è mai mancato niente. Sospetto che questa donna abbia fatto lo stesso per te», Fortsetzung l’uomo.

„Oggi possiedo questo ristorante e molti altri in giro per Chicago. Tutto a causa sua. E lei non poteva vedere il mio successo.

Dean abbassò gli occhi sulle sue ginocchia per la vergogna mentre Emily fissava il ristoratore, completamente concentrato sulla sua storia.

«Allora chiama tua madre. Parla con lei. Ce l’hai proprio qui! Questo è il più grande privilegio che avrai mai! Essere migliore! Altrimenti, non importa cosa fai o quanti solidi guadagni, non sarai mai conosciuto come un vero uomo.

Emily guardò suo figlio e rimase scioccata nel vedere le lacrime che gli rigavano le guance. Ma prima che potesse dire qualcosa, Dean alzò gli occhi al cielo e disse con voce soffocata:

„Mi dispiace tanto, Mama.“ Aveva la faccia accartocciata ed Emily voleva abbracciarlo per far passare il dolore.

„Oh, tesoro“, disse, e lui balzò in piedi e l’abbracciò, chiedendole perdono di nuovo.

„Va bene, il mio lavoro è finito. Il tuo pasto sarà pronto presto e qualcuno verrà subito a raccogliere i vetri rotti”, ha detto il proprietario, che poi si è presentato come Mr. Harris, battendo le mani e allontanandosi.

Dean si sedette di nuovo, mise via il telefono, si asciugò le lacrime e iniziò a parlare:

„Beh, le mie lezioni stanno andando bene, ma sono un po‘ noiose …“

Emily Sorrise, asciugandosi il viso. Il resto della cena ist fantastisch, grazie alle forti parole del signor Harris. E Dean non ha mai più maltrattato sua madre.

Like this post? Please share to your friends: